Pagina:Alighieri - Comedìa, Foligno, 1472.djvu/40


Et dii adme fuperle TucècÌe onde già Pcborgier puoi quello cbe PaPpetta fel fummo delpantan nolti naPcbonde Corda non pinTc mai dafc faietta cbe fi coweflfe uia perlaere fnella comio uidi una nauc piccboleta Venir perlacqua uerfo nuoi inquella fottol gouerno dun fol galeoto cbe gridaua orte giunta anima fella Flegias flegias tu gridi auoto difle lomio fegnore aquefta uolt* più non ciaurai cbe fol pattando illotto Quale colui cbe grande inganno aTcolta cbelli Pia fatto et puoi Tene rammarcba fecefi flegias nellira accolta Loduca mio diPcePe nella barcba et puoi mi fece intrar appreso lui et fol quando fui dentro parue carcba Torto cbel ducba et io nelligno fui Pecando feneua lanticba prora dellacqua più cbe non Tuoi conaltrui (Vlentre nuoi corrauam lamorta gora dinanzi mifi fece un pien difango et diPfe chi fé tu cbe uieni anzora.AJ Et io a1 lui fi uegno non rimango ma tu cbi fé cbe ffTi fatto brutto rifpuoPe uedi cbe Po un cbe piango Et io allui compianger et conlutto fpirito maledetto tefemani cbio ti conofco ancbor Pi lordo tutto