Pagina:Alighieri - Comedìa, Foligno, 1472.djvu/20


Coli fenuanno Tu perlonda bruna etauanti cbc fien dila difcefe anche diqua nuoua fcbicra faduna Figluol mio dificl maeftro corte fe quelli cbemuoion nellira didio tutti conuegnon qui dogni paefe Et pronti fono atrapaflat lorio che ladiuina iuftitia lifprona fi chelatema fiuolue indiffio Quinci non paffa mai anima buona et pero fe caron dite filagna ben puoi fa per ornai chcl fuo dir fuona Finito quefto labuoia campagna tremo fi forte che dello fpauento lamente difudor ancor mibagna Laterra lacrimo fa diede uento che baleno una luce ucrmiglia laqual miuinfe ciafcun fentimento Et caddi come luom che Conno pigia CANTO I III* neiquale moflradelpmo cerchio dinferno luogo ditto limbo- Et qui tratta dellapena de non baptezzati-Et diua lenti huomini. Liquali moriro innanzi laue nimeto dicriflo et no conobbero debitamente idioetcomecrifto traCCe diqfto luogo multe anime:RVppemi Ulto Conno nellatefta ungraue tuon Cicbio miriCcolft come perfona che perforza delta