Pagina:Alighieri - Comedìa, Foligno, 1472.djvu/19


Età ebe fe cuiti ariima uiua partiti da cotefti ebe fon morti ma poi ebe uiddrcbio non me partiua DiiTe peraltra uia peraltri porti uerrai adpiaggia non qui perpaifare più leue legno conuien ebe te porti E1 duca lui caron non te crucciare uolfi cu fi cola doue fe puote ciò ebe feuuole et più non dimandare Allor fuor ebete lelanofe gote al noccbier della liuida palude ebe Ì torno alliocebi bauea difiamme rote?Vla quel anime eberan latte enude cangiar colore de batterò identi toflo ebentefer leparole crude Biaftimauan ìdio elor parenti Iumana fpetie elluogo eltempo elfeme dilor Temenza et dilor nafomenti Poi feraccol Ter tutti quanti infieme forte piangendo allariua maluagia catende ciafcun bomo ebe dio no teme Caron dimonio conoccbi dibragia loro accennando tutti liracoglie batte coiremo qualunqua [adagia Come dautunno feleuan lefoglie luna apreffo dellatra fincbel ramo rcndalla terra tutte lefue fpoglie Simile mente el mal Teme dadamo gittanfi dequellito aduna aduna come auciel fa perfuo rechiamo