Pagina:Alighieri - Comedìa, Foligno, 1472.djvu/12


Andovi poi elvaso delectione
     per recarne comforto aquella fede
     30che principio allavia disaluatione
Maio perche venirvi ochil concede
     io non Enea io non Paulo sono
     ne degno accio ne io ne altrilcrede
Per che sedelvenire io mabandono
     35temo che lavenuta nonsia folle
     se savio intende mei chi non ragiono
Et quale quei che disuuol ciò che volle
     et per nuovi pensieri cagnia proposta
     si che dalcominciar tutto si tolle
40Tal mifecio in quella obscura costa
     perche pensando consumai lampresa
     che fu nel cominciar cotanto tosta
Sio ben laparola tua intesa
     rispuose del manganimo quel ombra
     45lanima tua e daviltate offesa
Laqual molte fiate lomo ingombra
     si che domata impresa larivolve
     come falso veder bestia quandumbra
Da questa tema accio che tu tisolve
     50dirotti perchio venni et quel cheintesi
     nel primo punto che dite mi dolue
Io era intra color che son sospesi
     et donna me chiamo beata et bella
     tal che dicomandar io larichiesi
55Lucean gliocchi suoi piu chella stella
     et cominciomi adir soave epiana
     conangelica voce ensua favella