Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/92

:: La santa inquisizione 85


appunto così: che il municipio aveva dato tre mesi di tempo ai parenti dei morti, per portar via tutti i ricordi delle tombe. «Ma perchè?» «Mi so no» rispose. Allora io interrogai qualcuno degli uomini che passeggiano sotto la Galleria, e ne ebbi maggiori spiegazioni. Cioè mi fu detto che il cimitero sarebbe stato distrutto, e sarebbero sorte tante officine e tante case.

Infatti ora sorgono tante case: grandi case di stile benestante, allineate, tutte con fisonomia uguale.

«Ma non si potrebbe — dissi — lasciare cosi come è? Il cimitero diventerebbe un poco per volta un giardino».

Gli uomini della Galleria mi dissero che si capiva che io ero un giovane poeta che veniva dall’Italia del sud.

Allora a Milano non e’ era il municipio socialista ; ma un municipio conservatore, tanto che lo chiamavano la consorterìa. Io conoscevo un assessore, che era un banchiere: non perchè io facessi operazioni di banca, ma perchè davo lezioni di latino a un duo nipote. Era un magnifico signore.