Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/64


Effetti di donna su di un povero giovane.

Io ho, direi, sotto gli occhi della memoria un caso compassionevole di questo instupidimento provocato dalla femmina, a danno di un giovane, per cui io nutrivo la più grande ammirazione e coltivavo le più pure speranze per la patria. Questo giovane si era dato alla vita politica con un programma di audaci riforme, ma del tutto accettabile, in quanto che non erano di importazione né germanica né russa, ma scaturite dalla necessità della vita italiana. «Ce ne vorrebbero cento di questi giovani!» dicevo fra me.

Era un giovane pieno di fede, di energia, e di vita modesta. Aveva una bella fronte