Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/34

:: L'eredità di mia zia 27

Vado a vendere i libri; ma nessuno li vuole.

Ma perchè perdo io il mio tempo?

Che farò di questi libri? Li porterò a casa? Ma le donne protestano che non c’è posto per tanta carta.

Ecco, li venderò. I breviari li venderò al parroco. Tutti quei libroni neri, così a occhio e croce, potevano arrivare a un trenta chili. Era già un bello scarico. Ma il parroco disse: «Nè meno se me li regala!» «Ma perchè ? Non deve lei recitare il breviario?» (Anzi la mia idea era di offrire un breviario ad ogni parroco).

«Sì, ma il breviario ultimo. Gli altri non contano».

Allora è pei breviari come per i nostri