Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/189

182 Il diavolo nella mia libreria ::

Molto utile sarebbe all'istruzione degli uomini farli assistere e meditare su la nascita di un pulcino.

In quella sopravrenne la Pallina e la Marta. Esse erano molto più pratiche di me. Esse mi spiegarono che bisognava aiutare i pulcini ad uscire dal guscio. La Pallina aveva fatto più volte la levatrice dei pulcini: io no. E perciò essa ne sapeva più di me. Mi fece osservare le uova. Picchiettavano: dentro si muoveva la vita. In alcune il guscio aveva una piccola protuberanza cagionata dal becco che batteva per rompere il guscio.

Ebbi un attimo di ebbrezza; e tutto l'universo mi parve animato, anche la morte.

Certo quella fanciulla campagnuola ne sapeva più di me; ma tuttavia osservai che nessun pensiero si formava in lei di quelli che si erano formati in me.

Ma l'ebrezza dileguò subito.

«Sciagurati — esclamai verso i pulcini — rientrate, invece di uscire!».