Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/184

:: Italia, Italia! 177


che camminano fra due siepi di impiccati, sino a Cesare Battisti e a Nazario Sauro.

Questo grande impero oggi è crollato, l’aquila imperiale fu uccisa.

In che anno avvenne questo fatto?

Sa il popolo italiano che con le sue armi ha trafitto l’aquila imperiale?

L’ultimo degli imperatori d’Austria, Carlo I d’Absburgo, che portò quell'aquila in pugno, che sostenne quella corona, fu visto in una città della Svizzera scendere da un automobile, con in capo un berretto da viaggiatore ; e, riconosciuto, si allontanò tristamente.

Tristi pensieri corrono per la mia mente: torbidi confusi pensieri: l’aquila imperiale di cui parla Dante! i borghesi hanno uccisa l’aquila imperiale. Avviene ora la Nemesi?

Bisognerebbe — conclusi fra me — insegnare bene al popolo la storia.

«Ma non capisci — mi dice Satana —