Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/168


Pietro Metastatio mi parla.

Erano sei o sette volumi del signor abate Pietro Metastasio. Questi volumi erano in sedicesimo, tutti uguali, legati con un cartoncino che dovette essere stato grazioso, perchè era tutto impresso a fiorentini; ora tutto stinto, tutto sgualcito; e i caratteri della stampa, come invecchiati!

Era il poeta dei poeti di quel tempo; e c'è una prefazione dell'abate Bettinelli che avverte il pubblico italiano ad avere pazienza per il seguito dei volumi, perchè il signor Metastasio ha tanto da fare a Vienna.

C’è anche il ritratto del signor Metastasio,