Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/163

156 II diavolo nella mia libreria ::


volontà e finalmente adulterio». Dulcis in fundo.

Sì, ma esiste anche l’antidoto. Ecco la parola magica che serve da contra-veleno: «peccavi, ho peccato!». Ma deve essere pronunziata con voce molle, soave. «Responsio mollis frangit iram Domini. La risposta soave spezza l'ira di Dio». «Datemi — esclama trionfalmente il padre — un peccavi di questa forza e sia quanto si vuole grande Pira di Dio, tutto si smorza».

Come è graziosa la damina del Settecento, che dice con voce soave: Peccavi!

E tornava a peccar senza paura.

È il bel verso del Boiardo, dove parla di Astolfo, così leggiadro cavaliere, ma così debole in sella:

Lui solea dir che gli era per sciagura,
E tornava a cader senza paura.

E questo buon padre gesuita Mattei, che al giovanetto rampollo, nato da eccelsa prosapia, fa mangiare tutte le virtù, ma le di-