Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/162

:: Dolce morale 155


dice Donna Fabia Fabron De-Fabrian al Pader Sigismond — sono nati nel ceto distinto della prima nobiltà; perchè gli altri non contano.

Carlo Porta, poeta milanese, versò il suo più squisito umorismo su F orgogUo nobilesco di Donna Fabia Fabron De-Fabrian, nata nobile per grazia di Dio, mentre poteva nascer plebea: cittadina, merciaia, o simil fango.

Ma se oggi Carlo Porta rivivesse, e vedesse che il primo ceto sociale è proclamato quello appunto che per donna Fabia era Fultimo, domanderebbe scusa a donna Fabia.

Dicevamo?

Ah, dunque: la dama domanda al suo padre spirituale:

«E peccare si può?

Il padre spirituale conosce tutta la scala del peccato: «mangiar bene, dormire bene, ozio, immodestia degli occhi, consenso della