Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/124

:: La giustizia, il pudore; e una seduta ecc. 117

Anzi Mercurio aveva domandato a Giove: «Come devo distribuire la Giustizia e il Pudore? Li devo distribuire soltanto ad alcuni uomini privilegiati come ho fatto per le arti, per cui un medico basta per molti uomini; un ingegnere basta per molti uomini; e un poeta poi basta per moltissimi uomini?»

«No, — rispose Giove. — A tutti ! Tutti gli uomini devono essere provveduti della Giustizia e del Pudore; anzi stabilirai questa legge, che qualunque cittadino sia privo di Giustizia e di Pudore, venga considerato come péste della nazione, e condannato senz’altro».

E perciò Platone, che racconta ì|uesta fola, osserva che mentre per i problemi tecnici vengono chiamati soltanto gli specialisti, per gli ordinamenti sociali vengono invece chiamati tutti i cittadini, perchè tutti devono possedere Giustiasia e Pudore, senza di che la società umana non potrebbe sussistere.

Qtiale fola!