Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/114

:: Ulisse e Circe 107


veniva di costui contro i re si muta in doloroso pianto.

Eppure Tersite non ha torto quando inveisce contro i re e li chiama divoratori di doni! E con tutto questo Ulisse mi piace!

E Ulisse, l’eroe, mi richiamò in mente anche Circe e la greggia dei porci mansueti: e ricordai lo stupore che, un giorno, mi colse quando, in fondo alle paludi pontine, mi fu indicato un monte, e mi fu detto: «Quello che voi vedete laggiù, è il promontorio Circeo».

Quel monte aveva forma di varie cùspidi, e pareva, nella lontananza, una corona regale, azzurra, impressa nel più tenue azzurro del cielo.

Colà, dunque, approdò l’eroe; e questa terra ne conserva la memoria per questa sua desolazione. Là, dunque, sorgevano sul mare i palazzi della divina Circe, la figlia del Sole!

Divina idiota! Il cieco Omero l’ha veduta; e dice che essa ha il crine ricciuto,