Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/107

100 Il diavolo nella mia libreria ::

Ora, un giorno, nella storia dell'uomo, apparve Cristo, e disse: «Io edificherò la civitas Dei».

«Io allora — disse Satana — lo chiamai in disparte su la montagna e gli dimostrai che il suo programma era bello ma non pratico. Guardatevi, dissi, dalle insidie del sentimento. Egli non mi volle ascoltare: mi escluse dalla gerarchia celeste, e mi mandò a governare la Babilonia infernale. Poi morì su la croce. Ma le sue dottrine hanno sempre fatto fallimento. Gli uomini dicono che la colpa è mia, che è Satana che oggi compie la sua implacabile missione di male. Calunnie!».

Dopo il vespero è venuta la sera. Sta nella stanza, sopra un comò, una testa di Cristo di cera, grande al vero, entro una teca di cristallo. È così squallido, così coronato di spine, così coperto di lacrime e sangue che la