Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/76


ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Filippo, Gomez.

Filippo Gomez, qual cosa sovra ogni altra al mondo

in pregio hai tu?
Gomez  La grazia tua.
Filippo  Qual mezzo
stimi a serbarla?...
Gomez  Il mezzo ond’io la ottenni;
obbedirti, e tacermi.
Filippo  Oggi tu dunque
far l’uno e l’altro dei.
Gomez  Novello incarco
non m’è: sai ch’io...
Filippo  Tu fosti, il so, finora
il piú fedel tra i fidi miei: ma in questo
giorno, in cui volgo un gran pensiero in mente
forse affidarti sí importante e nuova
cura dovrò, che il tuo dover mi piacque
in brevi detti or rammentarti pria.
Gomez Meglio dunque potrammi il gran Filippo
conoscer oggi.
Filippo  A te per or fia lieve
ciò ch’io t’impongo; ed a te sol fia lieve,
non ad altr’uom giammai. — Vien la regina
quí fra momenti; e favellare a lungo