Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/376

370 oreste

piú con man non ti posso, abbiti questo

palesator dell’esser mio.
Pilade  Deh! cela
quel ferro. Oh cielo!
Oreste  Egisto, il pugnal vedi,
ch’io, per svenarti, nascoso portava?
E tu il ravvisi, o donna? È questo il ferro,
che tu con mano empia tremante in petto
piantasti al padre mio.
Cliten.  La voce, gli atti,
l’ira d’Atride è questa. Ah! tu sei desso.
Se non vuoi ch’io ti abbracci, in cor mi vibra
quel ferro tu; del padre in me vendetta
miglior farai. Giá, finch’io vivo, forza
non è che mai dal fianco tuo mi svelga.
O in tua difesa, o per tua mano io voglio
morire. Oh figlio!... Ancor son madre: e t’amo...
deh, fra mie braccia!...
Egisto  Scostati. Che fai?...
A un figlio parricida?... Olá: di mano,
guardie, il ferro...
Oreste  Il mio ferro a te, cui poscia
nomerò madre, cedo: eccolo; il prendi:
trattar tu il sai; d’Egisto in cor lo immergi.
Lascia ch’io mora; a me non cal, pur ch’abbia
vendetta il padre: di materno amore
niun’altra prova io da te voglio: or via,
svenalo tosto. Oh! che vegg’io? tu tremi?
tu impallidisci? tu piangi? ti cade
di mano il ferro? Ami tu Egisto? l’ami;
e sei madre d’Oreste? Oh rabbia! Vanne,
ch’io mai piú non ti vegga.
Cliten.  Oimè!... mi sento...
morire...
Egisto  È questo1, è questo (e a me sol spetta)

  1. Raccogliendo il pugnale caduto appiè di Clitennestra.