Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/358

352 oreste

Cliten.  Che piú?

Elet.  Me lassa!...
che fia, se incontra or pria d’Egisto il figlio?


SCENA SECONDA

Clitennestra.

Me stessa invan cerco ingannar...


SCENA TERZA

Clitennestra, Oreste e Pilade in disparte.

Oreste  Non giunge,

mai non giunge costui?
Pilade  Dove t’inoltri?
Cliten. Amo Egisto, pur troppo!...
Oreste  Egisto? Oh voce!
chi veggio? è dessa: io la rimembro ancora.
Pilade Vieni; che fai? t’arrétra.
Cliten.  Agli occhi miei
chi si appresenta? Oh! chi se’ tu?
Pilade  Deh! scusa
il nostro ardir; stranieri noi, tropp’oltre
veniamo or forse: al non saper lo ascrivi,
ad altro no.
Cliten.  Chi siete?
Oreste  In Argo...
Pilade  Nati
non siamo...
Oreste  E non d’Egisto...
Pilade  Al re ci manda
di Focida il signor...
Oreste  Se quí re...
Pilade  Quindi,