Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/337


atto primo 331

ch’io con Egisto sia felice forse?

Elet. Felice? E il merti? Oh! ben provvide il cielo,
ch’uom per delitti mai lieto non sia.
Eternamente nell’eterno fato
sta tua sventura scritta. Ancor non provi,
che i primi tuoi martíri: il premio intero
ti si riserba di Cocíto all’onda.
Lá sostener del trucidato sposo
dovrai gl’irati minacciosi sguardi:
lá, al tuo giunger, vedrai fremer degli avi
l’ombre sdegnose: udrai de’ morti regni
lo inesorabil giudice dolersi,
che niun tormento al tuo fallir si adegui.
Cliten. Misera me! Che dir poss’io?... pietade...
ma, non la merto... Eppur, se in core, o figlia,
se tu in cor mi leggessi... Ah! chi lo sguardo
può rivolger senz’ira entro il mio core
contaminato d’infamia cotanta?
L’odio non posso in te dannar, né l’ira.
Giá in vita tutti i rei tormenti io provo
del tenebroso Averno. Il colpo appena
dalla man mi sfuggia, che il pentimento
tosto, ma tardo, mi assalia tremendo.
Dal punto in poi, quel sanguinoso spettro
e giorno e notte orribilmente sempre
sugli occhi stammi. Ov’io pur muova, il veggo
di sanguinosa striscia atro sentiero
precedendo segnarmi: a mensa, in trono,
mi siede a lato: infra le acerbe piume,
se pure avvien che gli occhi al sonno io chiuda,
tosto, ahi terribil vista! ecco mostrarsi
nel sogno l’ombra; e il giá squarciato petto
dilaniar con man rabida, e trarne
piene di negro sangue ambe le palme,
e gittarmelo in volto. — A orrende notti,
dí sottentran piú orrendi: in lunga morte