Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/328

322 agamennone

il mio sangue ti fia.

Cliten.  Che parli?... ahi lassa!...
Misera me!... che a perder t’abbia?...
Egisto  Or quale,
qual destra hai tu, che a trucidar non basti
né chi piú t’ama, né chi piú ti abborre?
La mia supplir de’ dunque...
Cliten.  Ah!... no...
Egisto  Vuoi spento
Atride, o me?
Cliten.  Qual scelta!...
Egisto  E dei pur scerre.
Cliten. Io dar morte?...
Egisto  O riceverla: e vedermi
pria di te trucidato.
Cliten.  ...Ah, che pur troppo
necessario è il delitto!
Egisto  E stringe il tempo.
Cliten. Ma,... la forza,... l’ardire?...
Egisto  Ardire, forza,
tutto, amor ti dará.
Cliten.  Con man tremante
io... nel... marito... il ferro...
Egisto  In cor del crudo
trucidator della tua figlia i colpi
addoppierai con man sicura.
Cliten.  ... Io... lungi
da me... scagliava... il ferro...
Egisto  Eccoti un ferro,
e di ben altra tempra: ancor rappreso
vi sta dei figli di Tieste il sangue:
a forbirlo nel sangue empio d’Atréo
non indugiar; va, corri: istanti brevi
ti avanzan; va. Se mal tu assesti il colpo,
o se pur mai pria ten pentissi, o donna,
non volger piú ver queste stanze il piede: