Pagina:Albini - Voci di campanili.djvu/40







Le Grazie, la chiama semplicemente il popolo di Milano: nome armonioso che richiama subito alla mente l’apparire improvviso e delizioso dell’abside e della cupola nel largo Corso deserto; e la bassa piazza per la quale s’entra nel tranquillo refettorio dove, rôsa dal salnitro, la Cena di Leonardo ancora attrae i devoti dell’arte da ogni parte del mondo.

Come rimane nitida e vivace nella memoria la cesellata architettura della chiesa! colla sua cupola colorata, frastagliata di archi, di colonne di bianco marmo, colla eleganza delle sue rosse