Pagina:Albini - Il figlio di Grazia, Milano, Vallardi, 1898.djvu/155


— 141 —

ciullo esitando e arrossendo mormora qualche cosa che il vecchio sacerdote non afferra.

«Che cos’hai detto?»

«.... che potrò portare anche quelle degli altri.»

«Bravo, bravo! mi piace!» esclama il vescovo sorpreso della risposta. «Dio dà la salute e la forza non per usarne male, vero? ma per renderci possibile di fare il maggior bene.»

Grazia, la piccola Grazia, tutta nascosta e pigiata fra i suoi due grossi uomini e quell’altro colosso di Vincenzo, ha udito le parole di suo figlio, ha udito la risposta del santo vecchio, e china umile e beata la testina fra le mani, dicendo fra sè: — Dio sia lodato: la mia preghiera di quand’era bambino è stata esaudita! —

[immagine da inserire]