Pagina:Alberti - Della pittura e della statua, Milano, 1804.djvu/151

120 della statua

ritti delle squadre, vedrò io quanto sarà il diametro di detta testa. E con questo medesimo ordine o regola potrò esattissimamente pigliare tutte le grossezze e larghezze di qualunque si voglia membro. Io potrei raccontare molte comodità e molti servizj che si potranno cavare da questo modine, e da queste squadre, se io non pensassi che ei fosse più comodo lo starmene cheto: e massime essendo simili cose tali, che qualsivoglia mediocre ingegno potrà da se stesso considerare ed avvertire in che modo egli potrà misurare quanto sia il diametro d’alcun membro; come sarebbe per modo d’esempio, se egli volesse sapere quanto è il diametro, ch’è fra l’un orecchio, e l’altro, cioè, dal destro al sinistro, ed in che luogo egli interseghi l’altro diametro, che andrà dalla testa alla nuca, o simili. Ultimamente questo artefice s’egli mi crederà, si servirà di questo modine, o di queste squadre, come di fedelissime, e fermissime, e vere guide, e consiglieri, non tanto quando si metterà a fare il lavoro, o facendolo, ma si preparerà molto prima con gli ajuti di questi istrumenti, a mettersi al lavoro, talmente che non si ritraevi parte alcuna della statua, ancor che minima, ch’egli avrà da fare, ch’esso non l’abbia considerata, esaminala, e fattasela familiarissima. Come per esempio gli sia questo: chi saria quello, ch’ardisse di far professione di esser maestro di far na-