Apri il menu principale

Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/195


Il diavolo nell'ampolla 187


parlò ai fratelli con grande prudenza. E disse che agevole sarebbe la via del Cielo se non la impedissero le lusinghe del mondo; nè esservi vittoria senza combattere. Andassero dunque, essi, i fratelli, per un po’ nel mondo; in abito secolare e con le monete dell’avvocato sfidassero, sconosciuti ma forti, il secolo. Se qualcuno cadesse nella lotta, i vittoriosi l’aiuterebbero a risollevarsi.

Bontà di Dio! Che precipizio! che salti mortali! Quando i fraticelli furono, ritornati dalla città e li ebbe confessati tutti, il priore non seppe più quale scegliere per la funzione dell’esecrata ampolla. Tutti erano caduti, e come! Ah l’umana miseria! Ah la potenza del Demonio! Tutti precipitati, tutti! E ciascuno rispondeva alle rampogne: — I fratelli vittoriosi mi aiuteranno a risollevarmi.

Sbigottì il priore; ma sperò che il sacrifizio dell’uno affretterebbe la cura degli altri infermi e, nello stesso tempo, la liberazione affannosamente sperata. E con il panico dell’atteso evento, con la smania d’uscire dall’angustia così a lungo protratta, corse a prendere l’ampolla e fatti schierare i fratelli dinanzi a sè (il diavolo scegliesse lui), la lasciò andare....