Apri il menu principale

Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/191


Il diavolo nell'ampolla 183

Si ricordò il buon priore del demonietto che, parecchi anni prima, aveva dato da fare a non pochi esorcisti; e imaginò fosse lui a sprizzar fuoco e a friggere dentro la boccia; ma non ne prese soverchia pena. A studiare e meditar la vita di Sant’Ilario taumaturgo aveva imparato uno scongiuro che nemmeno l’arcidiavolo potrebbe resistervi; nemmeno Lucifero. Da uomo prudente gli bisognò tuttavia consultare i suoi monaci che, confessandoli lui stesso, sapeva tutti savi. Doveva accogliere l’eredità? E l’ampolla? Non era un lascito pericoloso alla buona fama del convento?

No. Tutti furono di opinione che l’eredità si accettasse; ne avevan gran bisogno; e quanto alla boccia, si rimettevano all’antico senno del priore e alla pietà divina.

Così i sacchetti delle monete — appena morto l’avvocato — furono trasferiti al luogo di quegli onesti servi di Dio; e l’ampolla, nella celletta del priore. Il quale sorridendo un poco della paura che solo a vederla avevano avuta i fratelli più ingenui, pensò: “Non si riuscì mai a rimandare questo reo spirito all’inferno perchè non fu mai possibile trattenerlo sin alla