Apri il menu principale

Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/180

172 il diavolo nell'ampolla


il disgraziato non si lasciasse morire là nel fiume, con l’asino. Certo: bastava informarli di questo proposito che aveva in mente, e tutti si darebbero d’attorno per aiutarlo. Nè a informarli mancherebbero messaggeri. Quanti, fra poco, correrebbero a vederlo e a compiangerlo, povero diavolo, da venti anni perseguitato dalla sfortuna; e adesso gli era spirato l’asino là in mezzo!

Non appena infatti i birocciai della ghiaia ebbero data la nuova all’osteria del borgo, qualche ozioso e parecchi monelli si affrettarono gaiamente allo spettacolo inatteso. Gli uomini ristettero sul ponte o sulla sponda sinistra; e chiamavano Sugnazza, e lo canzonavano con le grida e le apostrofi che egli usava con il suo asino: i monelli preferirono passare di là dalla strada e dalla sponda destra calar nel greto già asciutto; indi metter mano ai ciottoli. Della bestia non si scorgeva che la pancia gonfia, a fior d’acqua; dell’uomo si scorgeva solo quel che del dorso superava i ripari della biroccia; e la difficoltà di colpir giusto suscitava legittima emulazione. La sassaiola cadeva nell’acqua, sollevava spruzzi brillanti.