Apri il menu principale

Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/135


Il chiodo 127


— Bravo! Occhio clinico!

— No — corresse il giovane — ; perchè il sasso gliel’ho messo io.

Il conte riflettè; indi concluse:

— Capisco. Hai fatto bene.

Non fu della stessa opinione la signorina Amelia, appena reduce da Parigi. Ella tentò persuadere lo zio che certe buffonate non conferivano decoro alla nobiltà di casa Agabiti. Ribattè il conte che, a fil di logica, non è ridicolo chi si burla della ridicola mentalità paesana; al contrario, dà prova di serietà. E la nipote a sua volta osservò che i giovani seri fanno onore a chi li aiuta, con gli studi e con le opere.

— Sì, ma non prima che quelli a cui spetta ne abbiano scoperta l’inclinazione latente. Questo compito è mio,

— Eh! ci vuol altro!

“Ci vuol altro?„ La frase colpì il filosofo. Disse dolcemente, dopo un po’:

— Forse hai ragione anche tu. Ci vorrebbe la donna; la donna che io non trovai: una donna capace di mirare in alto, più in su del cuore.

La signorina Amelia allora tacque. E poi si propose d’innamorare lei Celso Dondelli.