Pagina:Aida Libretto English.djvu/20


16 AIDA. SCENA III. — Uno degli ingressi della città di Tebe. — Sul davanti un gruppo di palme. — A destra il tempio di Animane; a sinistra un trono sormontato da un baldaccìiìno di porpora; nel fondo una porta trionfale. — La scena è ingombra di popolo. Entra il Re seguito dai Ministri, Sacerdoti, Capitani, Flabelliferi, Porta-insegne, ecc., ecc. Quindi, Amneris con Aida e Schiave. — // Re va a sedere sul trono. — Amneris prende posto alla sinistra del Re. Coro. Gloria all’Egitto, ad Iside Che il sacro suol protegge! Al Re che il Delta regge, Inni festosi alziam! Vieni, o guerriero vindice, Meni a gioir con noi; Sul passo degli eroi I lauri e i fior versiam! Donne. S’intrecci il loto al lauro Sul crin dei vincitori; Nembo gentil di fiori Stenda sull’armi un vel. Danziam, fanciulle egizie, Le mistiche carole. Come d’intorno al sole Danzano gli astri in ciel! Sacerdoti. Della vittoria agli arbitri Supremi il guardo ergete; Grazie agli Dei rendete Nel fortunato dì. Cosi per noi di gloria Sia l’avvenir segnato. Né mai ci colga il fato Che i barbari colpì. Il Re. (Scende dal trono per abbracciare Radames.) Salvator della patria, io ti saluto. Vieni, e mia figlia di sua man ti porga Il serto trionfale. (Radames si inchina davanti a Amneris che gli porge la corona.) // Re. (A Radames.) Ora, a me chiedi Quanto più brami. Nulla a te negato Sarà in tal dì — lo giuro Per la corona mia, pei sacri Numi. Radames. Concedi in pria che innanzi a te sian tratti I prigionier. Entrano fra le guardie i prigionieri Etiopi, ultimo Amonasro vestito da semplice ufficiale. Aida. Che veggo! Egli? mio padre! Tutti. Suo padre! Amneris. In poter nostro! Aida. (Abbracciando il padre.) Tu! Prigionier! Amonasro (Piano ad Aida). Non mi tradir! // Re. (Ad Amonasro.) Ti appressa — Duncjue — tu sei? Le truppe Egizie precedute dalle fanfare sfilano dinanzi al Re. — Seguono i carri di guerra, le insegne, i vasi sacri, le statue degli Dei. — Un drappello di danzatrici che recano i tesori dei vinti. — Da ultimo, Radames, sotto un baldacchino portato da dodici ufficiali. Amonasro. Suo padre — /Vnch’io pugnai — Vinti noi fummo e morte invan cercai, (Accennando alla divisa che lo veste. Questa assisa ch’io vesto vi dica Che il mio Re, la mia patria ho difeso: