Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/75


 
La Luna rossa e tonda
si leva su dai prati
lontani, che di cenere
la notte ha colorati.

Dell’infinita landa
la grigia tinta uguale
solo rompe il fantasima
d’un candido casale.