Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/39


 
O dolce notte, o notte
chiara, ad un’altra somigliante, un’altra
tanto lontana! O lunghi sguardi, o rotte
parole, o gioia nel core compressa!
Mi ripeteva: — Sempre! Sempre! — e l’anima
                 bevea quella promessa.

Beveva quel veleno
benedicendo alla vita e all’amore;
or egli, sotto il limpido sereno,
a un altro cor che innamorato cede
la bugiarda parola osa ripetere.
                 E un altro cor gli crede.