Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/38


 
Alfine, alfine! ecco tutte
le cose tacciono; il mondo
tace. Regina o schiava
qual mi vuoi abbimi! è questo
il momento, per questo
l’universo aspettava.

Certo aspettava da cento
secoli, e tutti chiedeano:
 — Che attende? E perchè questa
tenace estasi, e tanto
accendersi di stelle
come faci a una festa?

Ecco la febbre dell’ora,
scote di palpiti novi
le Pleiadi e nel vento
passa l’annuncio... O mio amore,
unico amore, udisti
l’Ave del firmamento?