Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/36


 
Dunque domani! il bosco esulta al mite
sole. Ho da dirvi tante cose, tante
cose! Vi condurrò sotto le piante
alte, con me; solo con me! Venite!

Forse... — Chi sa? — non vi potrò parlare
subito. Forse, finalmente sola
con voi, cercherò invano una parola.
Ebbene! Noi staremo ad ascoltare.

Staremo ad ascoltare i mormoranti
rami, nello spavento dell’ebrezza;
senza uno sguardo, senza una carezza,
pallidi in volto come agonizzanti.