Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/34



Io tornavo dal bosco ov’ero andata
a coglier dei ciclami;
del mio sentier fra gl’intrecciati rami
ti sarò parsa una silvestre fata
di quei freschi ciclami incoronata!

Ed era, ben ricordo, era il tramonto;
veniva su dai prati
l’alito sano dei timi falciati,
la fragranza che vince ogni confronto;
ed era, ben ricordo, era il tramonto!

Ma finì quella dolce primavera.
Ti rividi soltanto
l’inverno, in un salotto, ed eri tanto
diverso, Dio! nell’abito da sera,
coi solini alti e la cravatta nera!

Io ripensai quei giorni spensierati
e le campestri danze,
quei sogni, quel desìo, quelle speranze
di due giovani cori innamorati,
e ripensai quei giorni spensierati!