Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/30


II.

IL CANTO DEL DUBBIO.

 
Tace nella notturna estasi il cielo:
come d’oblìo profondo
in un magico avvolto immenso velo
cade nel sonno il mondo.

 — O luna! apporti al core, che le aspetta,
le soavi novelle?
Ancor m’ama? — Risponde: — È tardi, ho fretta:
domandalo a le stelle. —

Da le stelle qualcun par che mi guardi
pietoso... — Oh dite! ancora
m’ama? — E gli astri rispondono: — È già tardi,
domandalo all’aurora. —