Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/288



mi sei rifugio; e quando
l’offesa eccede, e invano
ad un accento umano
la riscossa domando,

tu, muto Iddio, che sdegni
l’onta che non ti tocca,
col dito sulla bocca
la rampogna m’insegni." —
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Tutte le cose in sordi
bisbigli d’aromali
atomi, e ritmi d’ali,
ripetono concordi:

— "Tu, che schiudi le porte
dei fantasmi ai poeti,
tu, che certo i segreti
conosci della Morte;