Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/286



La tua malìa, sognanti
ci tiene in un’attesa
di prodigi, un’attesa
di fantasmi giganti;

e ben tornano a noi
nelle tranquille sere
l’ombre dolci e severe
dei santi e degli eroi...

Passano: è quei che cieco
morì, ma dei pianeti
i viaggi segreti
spiò, vegliando teco.

È quel meditabondo
spirito di veggente
che ad una ingrata gente
dischiuse un novo mondo.