Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/282



mie le città suberbe
che strusse la divina
ira; quella ruina
veston licheni ed erbe;

tra i portici dipinti
s’aggira il gufo, assale
l’erica sepolcrale
delle colonne i plinti,

e lesto il mandriano
per quelle vie passando
zufola sogguardando
ed agita la mano.

Ma solo, io solo, il forte
palpito ancora ascolto
del popolo sepolto
sotto le città morte,