Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/277


 
Chi lo portava nude adesso e rigide
tiene le mani in croce, e non le stende
mai, nè più mai s’animeran d’un fremito.
Or quell’anello sul mio dito splende.

Splende al raggio del giorno e splende ai vividi
doppieri, come quando egli, il giocondo
capo d’adolescente erto, i miracoli
tutti poteva interrogar del mondo.