Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/273



Di sogni così nella prona
mia testa — uno stormo annidò;
di dove migrati non so,
ma cantano e trillano a festa.

I larghi tripudi del vento,
i rivi — che il Maggio conduce
com’ebbri di gioia e di luce
tra un brivido d’erbe, pei clivi:

le notti stellate sul sonno
dei monti — al sereno albeggiare
l’odor delle selve, e sul mare
l’augusta beltà dei tramonti:

le cose possenti, le cose
gioconde — non altro essi sanno.
Che importa se chiude un inganno
l’azzurra innocenza dell’onde?