Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/272


 
La tenebra scende; che importa?
Il canto — sia d’astri o d’aurore.
Assai fu nel tempo il dolore,
assai ci pascemmo di pianto!

Veloci precipitan gli anni?
Cantiamo — le rondini e il maggio:
non trilla il decrepito faggio
se un nido s’appende al suo ramo?