Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/249



dalle legioni dei morti fratelli
che la videro anch’essi, nelle chiare
notti, precinta in vaporosi anelli,

o come specchio tersa, attraversare
lenta gli azzurri pelaghi, nei suoi
muti viaggi sovra l’alpi e il mare

con immensa pietà guardando a noi.

 
                                  (