Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/248



sguardi di donne innamorate, sguardi
di asceti, accesi in foco di preghiere
o di credenti negli Dei bugiardi

si rivolsero a lei, lei di chimere
popolando e di sogni? Alla superba
umanità, che giova altro sapere?

Ella è l’intatta pisside che serba
il raggio di quei mille occhi, e il segreto
dell’alta gioia o dell’angoscia acerba

che quel raggio dicea; sa l’inquieto
attender dei fanciulli, e l indefesso
rimpiangere dei vecchi il tempo lieto

di giovinezza; nè mirarla adesso
potremmo, senza che di là favelli
a noi quel mondo di fantasmi, espresso