Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/239


 
Un uomo batte ad un’antica porta
di bronzo, ma nessuno ode. La Luna
appena mette una scintilla smorta
sulle sfingi dei fregi e sulla bruna
man di colui che batte a quella porta;
non s’ode voce nè risposta alcuna.
Sola l’eco dai cupi anditi porta
il rimbombo dei colpi alla soggetta
palude, intorno alla campagna morta,
dove luccica a gore la costretta