Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/237


 
Una donna velata e frettolosa
giunse là dove un popolo ribelle
un altro urgeva; e l’asta contro l’asta
cozzava, e correa sangue, tenebrosa
fiumana al lume delle rare stelle.
Protese ella le mani e sclamò: — Basta!

Da lungi allora, scarmigliate, a torme,
venner le madri, e curve sul terreno
tersero il sangue e i vulnerati forti
sorressero... La notte sull’informe
ruina, e delle fiaccole al baleno
un volto esangue o un cumulo di morti.