Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/228



        E una superbia viva
io provo, io che più forte
di te mi sento, o amore
dei martiri, o fratello della morte,
o divino carnefice, o dolore!