Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/227


 
        Grazie, grazie, o nemico!
Tutto quel che di frale,
di basso e di mendace
nutriva in me lo spirito del male,
or dentro la percossa anima tace.

        Io colle mani strette,
senza pianto e parole,
tranquillissima in volto,
nel cor ferito, che piegar non vuole,
l’imperversar della tua voce ascolto.