Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/224



ma sola andavi, o grande e taciturna,
sotto la Luna a cogliere nel vento
di morte voci qualche eco perduta
                 tra le ruine;

e fuor dalle spezzate urne, e dai verdi
talami di selvagge erbe e di muschi,
ti sorgeano, legione avida, intorno
                 le fantasie.

le maghe che soltanto hanno soave
il nome, ma per trista arte d’ incanti
fan torbidi gli umani occhi del vero
                 alla bellezza;

ed or ci guardi lungamente e intenso
il desiderio nel tuo sguardo accende
un foco, onde traspar l’anima tua
                 per gli occhi orante,