Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/207


 
E non saperlo dir ciò che nell’intimo
di quest’anima mia s’agita e freme
senza mai posa! e non poterti esprimere,
febbre, mia gioia e mio tormento insieme!

Non è amor, non è amore! Un tempo, il giovane
cor l’ha creduto e sciolse inni alla Morte;
ora ben sa che dell’amor, quest’impeto
è più fiero, più nobile, più forte.