Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/193


impavidi alla croce e soffron tutta
l’agonia del veder tanta crudele
umanità che non comprende; e vanno
gridando sempre e ancor: — Prossima è l’ora
dei conculcati e degli oppressi; ha grazia
chi prima si ravvede! —
               — E il mondo, cieco
Epicureo, sorride, e sovra i drappi
d’oro sdraiato, incredulo risponde,
sbadigliando:
           — Quell’alba? Oh, è lungi ancora! —