Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/164



Leva gli occhi ed ascolta, il morituro;
poi barcollante e con la man già fiacca
tentando l’ombre del cammino oscuro,
la gabbia, là, dalla parete stacca.

Lento apre l’uscio... Entra la luce bianca
un’altra volta, e un’altra ultima volta
la creatura della vita stanca,
ebbra, le voci della vita ascolta...

Poi torna il buio... — Ad altri il vago aspetto
del mondo! Ad altri, a più gagliarde tempre
l’amore! il forte, il dolce, il maledetto
amore! Ah taccia il palpito, per sempre! —